Sostenibilità

Conceria Superior S.p.A., nell’ottica del miglioramento continuo e nella ricerca delle Best Practices, ha sempre avuto un occhio di riguardo agli aspetti ambientali ed ha attivato nel 2017 un Progetto Ecosostenibilità a medio/lungo termine che sostiene con risorse, formazione e metodologie adeguate e con il coinvolgimento diretto di tutte le proprie maestranze.
Il rispetto delle regole comunitarie e delle esigenze del Cliente, le certificazioni Qualità, Ambientale ed Etica sono “solo” gli aspetti base sulla quale poggia il Progetto che poi si sviluppa su tutta la filiera produttiva di ogni singolo articolo: dalla valutazione dei fornitori di materia prima a gestione del fine vita degli articoli prodotti.

La visione di partenza del Progetto è basata sui diversi concetti di sostenibilità come schematizzato di seguito:

Questi sono gli impegni che al momento ci siamo presi per lasciare alle generazioni future un ambiente più sopportabile, praticabile ed equo.

Superior S.p.a

Sostenibilità Economica
  • L’azienda è passata dai 40 dipendenti del 2008 ai 120 di ora generando lavoro e reddito attraverso la sua oculata gestione economica, di marketing e di attenzione al Cliente.
  • Monitora la conformità dei prodotti fornitigli (pellami e prodotti chimici) affinché siano conformi agli standard comunitari (regolamenti REACh e biocidi) ed alle esigenze dei Clienti.
Sostenibilità Sociale
  • Numerose e continue sono le presenze della Conceria Superior SpA all’interno del distretto conciario di Santa Croce rivolte sia ai propri dipendenti che alla collettività.
  • Partecipazione attiva nello sviluppo del territorio (bonifica dei giardini sull’Arno) e nella diffusione di arte e cultura (mostra di Loris Cecchini «Sistemi di visione» in collaborazione con Galleria Continua e col Comune di Santa Croce sull’Arno.
Sostenibilità Ambientale
  • Fornitura di Energia Elettrica al 100% rinnovabile.
  • Analisi puntuale dei consumi tramite il sito web del gestore per ottimizzare i cicli produttivi.
  • Installazione di un impianto di monitoraggio in linea suddiviso per reparti per individuare eventuali consumi anomali di energia  (verrà completato nei primi mesi del 2018).
  • Passaggio al 90% dell’illuminazione a LED (verrà completato nel 2018).
  • Impianto di gestione dell’acqua calda con:
    – Completo riciclo del vapore.
    – Vasca di mantenimento a temperatura e utilizzo di due caldaie, il tutto finalizzato ad evitare picchi di consumo di gas.
  • Impianto di stoccaggio dell’acqua prelevata e dell’acqua demineralizzata per evitare picchi di consumo di acqua.
  • Installazione di un impianto di monitoraggio in linea suddiviso per linee di distribuzione per individuare eventuali consumi anomali di acqua (verrà completato nei primi mesi del 2018).
  • Gestione delle emissioni:
    – Rispetto dei limiti di legge con una soglia al 90% del valore massimo.
  • – Progettazione di ricette a basso impatto ambientale.
  • Gestione degli scarichi:
    – Rispetto dei limiti di legge con una soglia al 90% del valore massimo.
    – Progettazione di ricette a basso impatto ambientale.
  • Gestione del rumore:
    – Effettuati sostanziosi investimenti negli impianti di protezione dal rumore delle realtà esterne circostanti con risultati più che soddisfacenti.
  • Gestione dei rifiuti:
    – Differenziazione spinta nei reparti con limitatissimi tempi di permanenza dei rifiuti all’interno degli stabilimenti.
  • Gestione automatica degli impianti di riconcia informatizzando completamente il funzionamento delle botti sulla base delle ricette di produzione (verrà completato nei primi mesi del 2018).
  • Studio di fattibilità, in collaborazione con la Normale di Pisa, per la riduzione dei tempi di assorbimento dei prodotti chimici e la riduzione delle temperature di processo durante i bagni di riconcia (verrà completato nei primi mesi del 2018).
  • Studio di fattibilità, in collaborazione con la Normale di Pisa, per la riduzione dell’utilizzo di tecnologie finalizzate al raggiungimento di alcune caratteristiche fisiche sulle pelli con riduzione di prodotti chimici in fase di rifinizione.
  • Analisi approfondita del FootPrint e dell’LCA di tutto il ciclo produttivo in collaborazione con società esterne specializzate nel settore – verrà completata verso la metà del 2018.
Manifesto per la Qualità, l'Ambiente, la Sicurezza e l'Etica

L’Alta Direzione della Superior S.p.A. ha individuato:

  • nella ricerca della realizzazione delle aspettative
  • nell’accrescimento della soddisfazione

delle parti interessate e cioè: i suoi clienti, i suoi dipendenti, i suoi proprietari, i suoi fornitori e la collettività, la miglior via da seguire per il consolidamento, l’affermazione e la crescita dell’Azienda.

Questa ricerca passa attraverso una razionalizzazione dell’organizzazione interna, sia dal punto di vista produttivo che da quello funzionale, che vede come normale sviluppo un Sistema di Gestione integrata (SGI) della Qualità-Ambiente-Sicurezza-Etica.

L’Alta Direzione, per prima, è consapevole della notevole importanza di questa ricerca e:

  • si impegna a valutare attentamente tutte le richieste di risorse che man mano si rendessero necessarie per un suo efficace ed efficiente sviluppo
  • intende adottare la metodologia di analisi rischi/opportunità (risk-based thinking) per individuare le azioni necessarie a conseguire i migliori risultati prevenendo gli effetti negativi
  • intende assicurarsi che venga istituito, applicato e mantenuto attivo un Sistema di Gestione integrata (SGI) della Qualità-Ambiente-Sicurezza-Etica conforme alle direttive del presente documento ed alle norme di certificazione
  • vuole essere mantenuta aggiornata sull’andamento del sistema stesso al fine di permetterne il riesame ed il miglioramento.

Dichiarazioni

L’alta direzione della Superior S.p.A. dichiara:

  • di impegnarsi alla riduzione degli impatti ambientali connessi alle proprie lavorazioni, anche attraverso:
    • l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali, in termini di efficienza sia energetica che nell’impiego delle materie prima, anche attraverso il recupero e il riutilizzo
    • la prevenzione dell’inquinamento di aria, acqua, suolo, compresa la riduzione del quantitativo di rifiuti e degli scarti di lavorazione
    • l’impiego di prodotti non pericolosi ed a minor impatto ambientale
    • lo sviluppo di strategie, tecniche ed accorgimenti per realizzare processi ed articoli a minor impatto ambientale
    • acquisti basati su criteri di sostenibilità ambientale e sociale
    • la sensibilizzazione del personale in ordine agli aspetti ambientali connessi con l’attività lavorativa
    • attività/azioni intraprese a livello locale, di distretto, ecc., in collaborazione con le parti interessate (es. Comunità locali, Enti pubblici) volte a minimizzare l’impatto delle attività produttive in un determinato territorio o a proteggere/ripristinare habitat naturali
  • di non utilizzare nè sostenere l’utilizzo di lavoro infantile
  • di non utilizzare lavoro obbligato come manodopera e fonte di reddito e non sostenerne l’uso sotto qualsiasi forma
  • di impegnarsi al rispetto dello Statuto dei Lavoratori, del CCNL di categoria e della Costituzione
  • di rispettareil diritto dei lavoratori di costituire, aderire ad associazioni sindacali e di svolgere attività sindacale all’interno dei luoghi di lavoro (es, incontri, assemblee)
  • di promuovere pari opportunità per tutto il personale garantendo che:
    • all’atto dell’assunzione non sia attuato nessun comportamento discriminatorio
    • i documenti contabili attestino che il trattamento dei lavoratori è coerente con anzianità, tipo di mansioni svolte e competenze professionali
    • a parità di funzioni e mansioni aziendali ai lavoratori vengano offerte le stesse opportunità formative
    • le lavoratrici, a parità di funziona aziendale e mansione svolta, percepiscano salari, indennità e benefici pari a quelli degli uomini
    • le donne non siano discriminate né allatto dell’assunzione né nell’ambito dell’attività lavorativa in ordine al diritto alla maternità
    • non siano messi in atto comportamenti offensivi o lesivi della dignità personale né a carattere fisico né psicologico
    • nel caso in cui il personale manifesti esigenze particolari (ad es. di carattere religioso), le richieste vengano valutate e concesse compatibilmente con le esigenze di servizio
  • di impegnarsi a garantire la Salute e la Sicurezza nei luoghi di lavoro
  • di rispettare quanto previsto dalla normativa vigente e dal CCNL di settore in materia di orario di lavoro e di retribuzione
  • l’impegno ad operare secondo principi di lealtà, correttezza e trasparenza verso tutte le parti interessate anche attraverso l’uso e la diffusione del proprio Codice Etico e di Comportamento.

Filosofia della Politica per la Qualità-AmbienteSicurezzaEtica

La filosofia di fondo della ricerca consiste nell’intendere ogni singolo individuo come protagonista dell’attività compresa nel processo che fa parte dell’insieme dei processi che formano l’Azienda intendendo essa stessa come un processo all’interno dell’intera collettività.

Questa visione della realtà aziendale permette di non vincolare le singole attività a rigide regole operative che legano l’individuo facendogli perdere identità, ma di definire specifici obiettivi da perseguire a cui l’individuo deve puntare, e del cui raggiungimento è responsabile, seguendo però modalità personalizzate. A questo si aggiunge la generalizzazione del rapporto fornitore/cliente, portato a livello di tutte le attività, che permette una più corretta gestione delle informazioni di ritorno, delle esigenze, delle misurazioni.

L’Alta Direzione ha quindi stabilito questa Politica, si impegna ad attuarla e a mantenerla in modo che sia:

  • appropriata alle finalità ed al contesto dell’Organizzazione e supporti i suoi indirizzi strategici
  • costituisca un quadro di riferimento per fissare gli obiettivi sistemici
  • supporti l’impegno alla protezione dell’ambiente, inclusa la prevenzione dell’inquinamento
  • sia di riferimento per l’individuazione di impegni specifici pertinenti al contesto dell’Organizzazione
  • supporti l’impegno a soddisfare i requisiti applicabili
  • sia di riferimento per il miglioramento continuo del SGI e delle prestazioni ambientali

L’obiettivo ultimo da raggiungere è quello di agevolare il flusso, inevitabilmente interfunzionale, del prodotto togliendo gli ostacoli creati dalla altrettanto inevitabile suddivisione del flusso stesso in vari processi.

Lo stesso “disegno” della struttura dell’organizzazione vuole esprimere graficamente lo spirito di collaborazione e di interrelazione che deve esistere tra i vari Processi ed Attività mantenendo chiare comunque le specifiche responsabilità ed autorità.

Strumenti della Politica per la Qualità

Gli obiettivi hanno lo scopo di creare un giusto “stato di allerta”, utile a mantenere sempre attive le volontà ed a motivare il miglioramento, e definire dei criteri a cui abbinare gli indicatori dell’andamento della realizzazione della Politica per la Qualità-Ambiente-Sicurezza-Etica, utili alla Direzione per le verifiche periodiche.

Gli obiettivi sono esaminati per il loro raggiungimento, aggiornati e definiti in seguito al Riesame da parte della Direzione.